Ricerca personalizzata

venerdì 24 dicembre 2010

Post di Natale

Pettirosso_wm 

Piccolo post di auguri, a tutti i naviganti erranti o stanziali..

Buon Natale!



sabato 11 dicembre 2010

L’uslein dal frad

Pettirossi 

 

Quando arriva dicembre e si appresta l’inverno è il momento del pettirosso: l’uslein dal frad, l’uccellino del freddo.

Fora la neiva a per ch’la breva
Al saul meinter ch’al s’léva
E i uslein i stan dal frad deintr’in ’na séva
I uslein i stan dal frad deintr’in ’na séva

Fuori la neve sembra che sgridi
Il sole che sta sorgendo
E gli uccellini dal freddo stanno dentro una siepe
Gli uccellini dal freddo stanno dentro una siepe

Nadel (R.Borghi, elab. F. Saguatti) – "La tèra di Zemian" - melodie popolari della tradizione emiliana

 

Piccolo, con il suo piumaggio invernale che lo fa assomigliare ad una palla di piume macchiata di rosso-arancio il pettirosso è all’apparenza fragile e indifeso, ma questo bel tipetto in realtà è un attaccabrighe impudente e opportunista, pronto ad azzuffarsi per difendere il suo territorio, che controlla dalla cime degli alberi.

Se state lavorando in giardino lui sarà lì ad osservarvi ed ogni lombrico che smuoverete sarà suo. Mentre combattete una estenuante lotta contro le talpe che rovinano il vostro orticello, lui ne approfitterà spudoratamente: si hanno notizie di una talpa pedinata da un baldo pettirosso che ha seguito passo passo il suo passaggio per procurarsi insetti e larve aggratis, senza sforzo.

Nonostante ciò come non intenerirsi davanti a questo piccoletto che cinguetta  e gorgheggia nella fredda aria di dicembre, una macchia rossa che saltella tra i rami spogli di alberi e siepi.. E’ irresistibile! :)

Mi sono stati commissionati un paio di dipinti rock painting con dei pettirossi come soggetto, ed è stato un piacere per me dipingerli. Un modo per portare un poco dello spirito del Natale in arrivo.


I pettirossi sono insettivori, ma ho distribuito ugualmente sul mio davanzale le briciole di quella deliziosa ciambella che cuoceva in forno mentre dipingevo Sueño .. Se proprio proprio verrà ignorata, proverò con i Chicken Nibbles..

 


lunedì 29 novembre 2010

Sueño

Sueño

work in progress

Il ritratto di questo pony è rimasto a lungo nella scatola dei lavori a metà.


Succede, a volte. Nell’esiguo spazio vitale di cui dispongo già pieno di libri, sassi e un armadio che in realtà è un passaggio dimensionale – non da e per Narnia, si limita a inghiottire i miei vestiti e restituirli a suo imperscrutabile giudizio -  avere anche una scatola di lavori incompiuti è un problema.


Perché i dipinti in quella scatola rimangano interrotti è altrettanto  imperscrutabile, posso solo dire che la comunicazione tra me e loro ad un tratto svanisce. Però ritorna, anche a distanza di tempo, molto tempo.
Così, in questi giorni freddi e bui, ho messo da parte gli altri lavori e ho trovato spazio per questo pony.  E’ stato merito suo se ho incontrato, strada facendo, quei due tipini di Bill e Ben.


Oggi, mentre fuori nevicava e in casa si spandeva il delizioso profumo di una ciambella, ho finito il ritratto.
Mentre dipingevo mi è tornata in mente una canzone dei Cranberries di diversi anni fa e ho cercato il video su You Tube. 
Non ricordo di averlo mai visto prima, lo giuro, e sono rimasta molto sorpresa guardandolo.

Il nome per questo pony, Sueño, era stato scelto molto tempo fa. Insieme, sono perfetti.



giovedì 25 novembre 2010

Bill e Ben

_42876235_horse5  

Cosa si può scoprire facendo ricerche in rete?
Molto dipende da cosa si cerca, e capita anche di fare scoperte inaspettate là dove si stava cercando altro.
Anche se non ho ancora terminato i miei primi
Takhi – ma non temete, ci sto lavorando – continuo con la ricerca perché il mio progetto non si ferma a un dipinto.
Ed è così che, cercando cercando, questa  volta mi sono imbattuta in qualcosa.. Anzi qualcuno di  particolare, direi speciale. Il loro incontro mi sta ‘aprendo il passaggio’ a molte altre cose che nemmeno immaginavo.
Questi due tipini, ve li presento, sono Bill e Ben.


  horse3

Abitano in Galles, dalle parti di Cardigan. Sono fratelli gemelli -  evento più unico che raro tra gli equini -  ed oltre a questo sono anche i più anziani pony gemelli al mondo tanto da essere iscritti, per il loro 25° compleanno, al Guinness dei Primati nel 2008.

 twins-2


Hanno prestato servizio presso lo Zoo di Londra portando in passeggiata i bambini, adesso si godono la meritata pensione accuditi dal personale della Veteran Horse Society.
Vanno pazzi per le caramelle alla menta senza zucchero.


horse4

Ora che li ho presentati, ho una domanda per voi: di che colore sono questi pony?
Pensate che siano bianchi, grigi oppure..?
Non è una domanda facile, anzi è piuttosto complicata. 
Io devo saperlo, dal momento che dipingo e ho bisogno di conoscere come è composto il mantello degli animali, i cavalli in questo caso.
Mi sono resa conto che i cavalli piacciono a molte persone, ma in realtà li conoscono poco – appassionati e addetti ai lavori esclusi – e allora mi è venuta l’idea. Tanto per giocare, e conoscere.


A chi risponderà correttamente – e se nessuno ci azzecca, alla risposta più impossibile, divertente o improbabile -  assegnerò un premio. Sia qui, sia sulla mia Facebook page  fino a sabato compreso.


Intanto che voi ci pensate su (e forse farete le ore piccole in ricerche su internet ) io scriverò alla Veteran Horse Society per avere notizie aggiornate di Bill e Ben.
;)



Link:

Simply Marvelous
CBBC Newsround

Paolo d'Arpini blog 




domenica 31 ottobre 2010

Halloween a Modena

Mi sono mangiato troppo

Modena è una città mysteriosa, vi avevo già raccontato di alcuni dei suoi luoghi storici ed insoliti qui.

Una delle tradizioni di Modena è il Mercato storico Albinelli, inaugurato il 28 ottobre 1931 e riconosciuto monumento di interesse storico nazionale.

Mercato storico Albinelli - Modena

La ricorrenza del suo  79° compleanno ha coinciso con la vigilia di Halloween e gli operatori hanno colto l’occasione per festeggiare in allegria contornando il tutto con vino e cibarie.

In questi scatti sono ritratti Luigi e Franco, artisti del Club Intagliatori Città di Modena.

Il Club Intagliatori

Non c’è stata zucca che si sia salvata dai loro attrezzi, il mercato è stato invaso da decine e decine di Jack’O’Lantern..

Gli Intagliatori 1

Gli intagliatori 5

Eccone alcuni sghignazzare dalla loro postazione di lavoro.

Gli Intagliatori 2

Non sono mancate nemmeno le streghe, e come potevano disertare l’evento?  Questa ha portato con se il suo famiglio sul cappello a punta.

Strega con topa

Deve essere una parente di Crosta..

La Topa sul cappello

I volontari di Stop Child Sexual Tourism all’esterno erano pronti a confortare clienti, turisti, operatori e curiosi con generi di prima necessità ( leggete gnocco fritto e lambrusco, siamo a Modena! ) nel freddo mattino di fine ottobre.

Lambrusco contro il turismo sessuale

Ho partecipato con un mio post ad una catena di blogger uniti contro il turismo sessuale, nel banner a fondo pagina trovate il logo di Stop Sexual Tourism  da cui potete accedere al loro sito e alle loro iniziative.

Un sereno passaggio da questo al nuovo anno, se ricordate Halloween è il capodanno celtico. Se lo avete dimenticato o lo ignoravate questo post riporta le origini di Samhain.

Auguri ancora, da Cecy e me.

:)

merry-halloween


La strega vagabonda

Cecy

“Nell'aria, sopra valli e fiumi, sotto le stelle, su uno stagno o una strada, Cecy volava. Invisibile come il vento d'autunno, fresca come il profumo di trifoglio che si alza dai campi al crepuscolo, volava.

Penetrava in colombe morbide come ermellino bianco, si fermava sugli alberi e viveva nelle foglie, cadendo via splendente di colori quando la brezza soffiava più forte.

Si riposò in un rospo verde brillante, fresco come menta in riva a uno stagno lucente. Trotterellò nel corpo di un cane selvatico e abbaiò per il gusto di sentire l'eco che rimbalzava sui fianchi dei granai lontani.

Visse nei fantasmi dei denti di leone e nei dolci liquidi chiari che sgorgano dalla terra muschiata.

Addio, estate, pensò Cecy.

Stanotte sarò in tutti gli esseri viventi.”

Tratto dal romanzo “Ritornati dalla polvere” di Ray Bradbury


Il dipinto rock painting Cecy è ispirato al racconto 'La strega vagabonda' di Ray Bradbury e alla copertina del volume “Ritornati dalla polvere” illustrato da Charles Addams, creatore della serie 'La famiglia Addams'.


9788804503576g

Cecy dalla Casa sul colle vi porta i saluti, e i sospiri, degli strani, crepuscolari abitanti della Famiglia Eterna, dalla gatta Anuba che arrivò per prima, alla Mille Volte Bisnonna, ai quattro cugini ad ovest di ottobre..

Lei ed io vi auguriamo un felice Halloween.


Aggiornamento: 16 settembre 2017

Cecy ora è in Gran Bretagna, grazie a Vladimir. Si troverà bene, ne sono certa, tra mille luoghi da scoprire e millenari, eterei e sospiranti parenti da visitare.



mercoledì 27 ottobre 2010

Mare Nostrum

Flavia 994

Vi ho raccontato del viaggio del Bamboo. Non ho ancora raccontato tutto.

Posso parlarvi ancora di quello che abbiamo scoperto dentro il blu, il blu perfetto di questo mare.

Dopo il vento e le onde del mare aperto si cala l’ancora in una tranquilla caletta, facendo attenzione a  non danneggiare le praterie di Posidonia.

CIMG6533

Se unico è il nostro Mediterraneo, Mare Nostrum come lo chiamarono i Romani e prima ancora le tribù illiriche arrivate in Italia dai Balcani,  ancora più unica  è la Posidonia.

Flavia 371

La Posidonia oceanica non è un alga ma una pianta acquatica, ed è endemica del bacino mediterraneo. Esiste solo qui.

E’ un indicatore biologico, la sua presenza indica la buona qualità dell’ambiente. Fornisce riparo e nutrimento a numerose specie e salvaguardia  la linea costiera dall’erosione.

Con le sue radici legnose  ed i suoi rizomi ancora il substrato del  fondale. Con le lunghe foglie nastriformi, trasportate dalle onde sulla battigia a formare una spessa coperta chiamata banquette,   protegge le spiagge dalle mareggiate e dall’azione del vento.

Per capire l’importanza di questa pianta è bene sapere che la perdita di un metro lineare di prateria significa la scomparsa di diversi metri di spiaggia.

 DSCN2462

Le fibre della Posidonia,  lavorate e intrecciate dalle onde, formano queste palline che hanno il serissimo nome di egagropili

Nel 2006 attraverso l’uso di marcatori genetici è stata scoperta alle Baleari,  all’interno di una vasta prateria di Posidonia,  una pianta che probabilmente è uno degli organismi più grandi e anziani  esistenti sulla Terra, lunga 8 chilometri e vecchia di 100.000 anni.

Non sottovalutiamola dunque, ne sa molto più di noi..

128

 

Questa è una spiaggia come si deve, una autentica spiaggia selvaggia con dune e piante pioniere. Importantissimi per l’ecosistema costiero, questi vegetali colonizzano le dune consolidate, permettendo così l’insediamento di specie legnose più esigenti.

Le dune così ‘fissate’ ostacolano i venti ricchi di salsedine e il trasporto di sabbia verso l’interno.

Torniamo al mare.

Dove finisce la prateria di Posidonia e troviamo gli scogli facciamo altri incontri, e sembrano esseri  usciti da un episodio di Star Trek: strane, nuove forme di vita mai incontrate prima..

CIMG6508

Questa invece la conosciamo, ha fama di possedere un certo caratterino.. Meglio essere discreti, le murene sono molto gelose della loro privacy.

CIMG6530

Queste fantastiche foto subacquee sono opera di Ingrid e Flavia, esperte di snorkeling ed immersione in apnea. Io non arrivo a tanto, anche se provo ad immergermi dopo pochi secondi schizzo in superfice come un tappo di sughero. Con me il principio di Archimede funziona benissimo..

Sapete, è arrivato il momento di salutare il Bamboo.

 254

Tutto l’equipaggio ci ha lasciato un pezzetto di cuore su questa barca.

Se guardate bene, qualcuno dell’equipaggio sembra stia sistemando la randa ma in realtà è aggrappato all’albero maestro perché non vuole lasciare il Bamboo.

Convincerlo è stata un’ardua impresa..

259

E questo?

E’ il nostro regalo di saluto a Stani.

Abbiamo subito alcune dolorose perdite durante la navigazione nel Santuario Pelagos.

Eh si, non tutto è sole, mare, vento ed happy hour sul ponte con spritz e tartine.. C’era un secchio rosso di belle speranze con cui  abbiamo condiviso di tutto:  trasporto oggetti, lavaggio del ponte, lavaggio dell’equipaggio e altre cose che qui è meglio non ricordare. Assicurato con una lunga e resistente cima, veniva calato in mare alla bisogna.

Fino al giorno in cui – sabotaggio! – all’ennesimo lancio tra la Corsica e l’Elba ci siamo accorti che il nodo era sciolto e il secchio perduto tra i flutti. Perduto per sempre. Un duro colpo per Stani, sappiamo che niente potrà compensare la perdita ..

 

Un grazie infinito a:
Andrea ed Ingrid, biologi marini di Idea Calypso,
Stanislao, skipper del Bamboo - Fondazione Exodus,
Angelica, Flavia, Lorenza, Irene, Francesca, Claudio - equipaggio del Bamboo per la settimana dal 24 al 31 luglio 2010,
Greenpeace
Le foto sono state scattate dall'equipaggio del Bamboo nel corso dell'Operazione Pelagos 2010 - Idea Calypso, nella settimana dal 24 al 31 luglio 2010.
Idea Calypso
Operazione Pelagos 2010

 

DSCN2341

Grazie ad Isabella di Capoliveri, Isola d’Elba,  per il suo appoggio logistico e per la sua amicizia.

Grazie a voi per avermi seguito in questo viaggio e.. Sappiatelo, non è finita!

;)


martedì 14 settembre 2010

Sull’onda di prua

 

lasciando l'Elba

Il Bamboo ha salpato da Portoferraio in un luminoso mattino di fine luglio, per costeggiare l’Elba e i suoi isolotti fino a raggiungere Capraia.

DSCN2393 

Sia sotto costa che in mare aperto gli sguardi sono attenti,  alla ricerca di avvistamenti fortunati. Ci saranno per noi balenottere e stenelle? Possiamo sperare di incontrare magari un capodoglio?

In posizione a prua

L'aera del Santuario Pelagos è visitata da numerose specie di cetacei. La conformazione dei fondale  permette la risalita dalla piana abissale  dei nutrienti che alimentano il fitoplancton  e rendono  queste zone ricche di cibo per la fauna marina.

Noi siamo diretti in una di queste aree,  a nord di Cap Corse.

 Flavia 660

Si traccia la rotta

Flavia 630

e si naviga verso la Corsica, che ci accoglie con le sue coste selvagge e il profilo delle turbine eoliche che si staglia sul  crinale.

Arrivo a Cap Corse

La bandiera di cortesia viene issata sulle sartie, per rendere omaggio al paese che ci ospita.

Flavia 850

L’alba ci trova già svegli e in navigazione, pronti ad una lunga giornata in mare aperto.

Un delfino ci accompagna, distante, mentre lasciamo la rada dove abbiamo calato l’ancora per la notte.  Incontriamo berte solitarie e banchi di tonnetti che guizzano velocissimi sul pelo dell’acqua.

Cap Corse

Ci concediamo un bel bagno al largo, e i più avventurosi si cimentano nello spericolato tuffo del pirata.. Nessuna paura, da queste parti non si tocca, il fondale è circa 1200 metri sotto di noi..

Un vero tuffo nel blu.

(Per la cronaca: io mi accontento del molto meno avventuroso scendere in mare dalla scaletta. Ho preferito risparmiare ai posteri la tragicomica immagine di me appiccicata alla murata del Bamboo.. )

E’ soltanto la mattina seguente, quando ci apprestiamo a lasciare la costa corsa per dirigerci nuovamente verso l’Elba, che troviamo altri delfini sulla nostra rotta.

 CIMG6776

E’ un  gruppo di 5, 6 esemplari,  sono tursiopi e hanno un piccolo con loro. Nuotano molto vicini, possiamo sentire i loro sfiati quando emergono, vediamo luccicare i loro dorsi.. 

Non sembrano molto interessati ad interagire con noi, ci sono boe che segnalano la presenza di reti e sicuramente è la colazione che li interessa.

Ma poi accade..

CIMG6902 (2)

Per pochi, magici istanti il piccolo branco nuota con noi, e gioca con l’onda di prua del Bamboo.

Ingrid e Flavia riescono a ‘catturarli’ con questi fantastici scatti.

Ecco il tursiope, il delfino impiegato e imprigionato negli acquari, conosciuto come Flipper grazie alla serie di film e telefilm:  Tursiops truncatus o delfino dal naso a bottiglia,  bottlenose dolphin.

 

Flavia 1 (2)

 

Flavia 2 (2)

Mai così vicino, e soprattutto libero.

 


lunedì 23 agosto 2010

Buon Blogger-anno 2

Logo460x208 Acqua-bianco2

Lavori in corso per il mio blog.

Come sempre, mentre il  resto mondo sembra abbandonare la vita di tutti  i giorni e gettarsi a capofitto nelle sospirate ferie, la mia controparte virtuale ma non troppo in agosto si lancia in nuove imprese.  

Meditavo di rinnovare il look, il ‘vecchio’ template creato con gli strumenti forniti da Blogger non mi dispiaceva affatto ma volevo tentare qualcosa di nuovo, e diverso.

Assieme ad Adele Zolea di Blografando ho pensato alla nuova veste grafica, e Adele ha realizzato anche il logo che avevo in mente da tempo. Questi i risultati, ho inserito nella sidebar anche un piccolo sondaggio e vi sarei grata di conoscere la  vostra opinione.

Cosa ne pensate del new look? Per voi è ok o vorreste sparare a zero sui miei neuroni? :D

Fatelo, nessun problema!

Intanto io finisco di ‘sistemare’ tutti i gadget dispersi nel trasloco,  poco alla volta adatterò i vecchi post alla nuova grafica, finirò di preparare anche i post di Operazione Pelagos e.. Sì,  ne ho di cose da fare!

Naturalmente oggi è il secondo Blogger-anno e vi invito a festeggiare con me e Bò.

Bò mi ha guardato storto riguardo a questo cambiamento, ha annusato e scalpitato parecchio in giro. Credo che per lei il panorama ondulato che si intravvede dalla finestra dell’header sia troppo.. domestico, considerata la sua natura rustica di Highlander..

Ora è scomparsa  dietro la collina. Sarà erba ‘domestica’, ma ha tutta l’aria di essere comunque parecchio buona..

;)


lunedì 16 agosto 2010

Home

 

 

Home è il film-documentario diretto da Yann Arthus-Bertrand e prodotto da Luc Besson, uscito nelle sale cinematografiche di 50 paesi lo scorso 5 giugno 2009, mai diffuso in Italia.

La GoodPlanet.org attraverso il canale homeproject su You Tube ha messo a disposizione di tutti, gratuitamente, il film in versione  originale e con sottotitoli, doppiato in 14 lingue.

L’intenzione condivisa di rendere consapevoli e responsabili tutti del futuro comune è una priorità e raccolgo l’invito a diffonderlo.

Il nostro tempo sta per scadere, abbiamo 10 anni per invertire la rotta. Se non lo faremo, nonostante le possibilità  e capacità che possediamo, entreremo in un territorio sconosciuto all’intera umanità.

Ognuno di noi può dare il suo aiuto, ma occorre volerlo.

Buona visione, vi assicuro che rimarrete emozionati..

;)


domenica 15 agosto 2010

Tremenda voglia di mare

 Tremenda voglia di mare

Scoprire il mare in barca a vela è conoscerlo come non è possibile altrimenti. Se poi le vostre guide - in questo caso lo skipper ed i biologi marini di Idea Calypso - sono affette da una tremenda voglia di mare, allora lo conoscerete come mai avreste pensato prima. 

Bussola del Bamboo 

Il Bamboo è un Baltic 51, sedici metri di solido ed elegante scafo che cavalca le onde  con sicurezza e può ospitare fino a 12 componenti di equipaggio, o perlomeno quello che diventerà un equipaggio alla fine dell’avventura.

Boma

Boma, sartie, cime, winch.. Se qualcuno a bordo suggerisce di cazzare la randa o lascare il genoa imparerete presto cosa significa. Soprattutto quando si alza il vento giusto per andare di bolina..

di bolina

Ci si alza il mattino presto, a volte all’alba, e si naviga fino al tramonto,

dritti nel sole 

dritti nel sole.

Tramonto a Cap Corse

Ci sono promontori, isole, scogliere da costeggiare

DSCN2444

e ci sono le nuvole..

Cirri e sartie

Le nuvole raccontano sempre qualcosa; indicano dov’è la terraferma quando ancora è lontana e il tempo che farà, in barba a tutti gli avvisi ai naviganti trasmessi.

Corsica - verso Bastia

Poi naturalmente c’è il vento..

flavia 2 437

Il vento ed il mare sono intimamente legati. Alla ruota del timone si riescono a percepire, attraverso le mani e le braccia vibra tutta la loro forza mentre l’uno gonfia le vele e tende cime e sartie e l’altro scorre sotto lo scafo e il timone..

Anche se presta un’aria disinvolta all’obiettivo, un buon capitano lo sa ed è sempre vigile e attento.

Stani

Stani, skipper del Bamboo – Fondazione Exodus

Un ottimo capitano lo fa con stile inimitabile..

Mai sottovalutarli, vento e mare assieme. In pochi, pochissimi minuti possono scatenare tempeste

DSCN2559

che arrivano mugghiando e ruggendo dalla linea dell’orizzonte

DSCN2561

e sferzano il ponte di pioggia

DSCN2562

e grandine..

DSCN2560

Salvo poi rotolare lontano per lasciare il sereno.

DSCN2563

I delfini ci aspettano a Cap Corse..