Ricerca personalizzata

lunedì 31 gennaio 2011

Sionnach la Volpe

Sionnach la Volpe

Gli ultimi giorni di gennaio sono per tradizione i giorni più freddi dell’inverno, neve e ghiaccio imprigionano la terra. Nella antica tradizione cinese si descrive la volpe come esperta nel camminare sul ghiaccio. La sua prudenza è proverbiale, con le sue orecchie tese a percepire ogni scricchiolio e la sua capacità di trovare i punti più sicuri per attraversare.  Nessuna  vecchia volpe si bagnerà mai la coda attraversando un torrente ghiacciato.

Nel Libro dei Mutamenti questa capacità è citata nel segno Ue Tsi – Prima del compimento, dove l’Oracolo ammonisce di fare attenzione e non comportarsi come giovani volpi che per troppa sicurezza e inesperienza finiscono per bagnarsi la coda prima della fine della traversata.

Anche in Europa la volpe era conosciuta per la sua cautela, e nessuno si sarebbe mai azzardato ad attraversare il ghiaccio senza averlo visto fare prima ad una volpe.

Un antico proverbio scozzese recita:

 “Quando la festa di Imbolc è passata, la volpe non darebbe credito  nemmeno alla sua coda sul ghiaccio”

Imbolc o Brighid coincide con il 1°febbraio, il punto mediano tra il solstizio d’inverno e l’equinozio di primavera, ed era una festa della tradizione celtica che celebrava la luce. Luce che aumenta all’avvicinarsi della primavera. Luce, sole, calore. Il ghiaccio si assottiglia e Sionnach la Volpe saggiamente non si azzarda a sfiorarlo nemmeno con la coda..

 

Questo dipinto rock painting è disponibile, se desideri acquistarlo scrivimi dal modulo Contattami.

0 commenti:

Posta un commento