Ricerca personalizzata

giovedì 16 luglio 2009

Gino ( .. in realtà Gina )

Succedono sempre cose.. particolari quando mi metto in viaggio, virtuale o reale che sia. Per sfuggire a uno dei  tre lavori (quello di mera sopravvivenza) e soprattutto a Vanesia, sua cugina e il volo acrobatico ho riempito il trolley e last second ho preso il treno  per raggiungere Maris, in Abruzzo.

Un soggiorno fatto di mare, mercatini e concerti ma.. Noi due quando ci incontriamo creiamo una strana alchimia. Già è sorprendente esserci conosciute nella vastità del web, evento che ha generato effetti tangibili e considerazioni anche filosofiche..: il web è incommensurabilmente grande e incredibilmente piccolo.

Il web sviluppa nei naviganti nuove attitudini ed evidenzia potenzialità latenti, fino a casi estremi di manifestazione esponenziale di personalità multiple.

Nel nostro caso non è quel caso, non ancora almeno. Quello che ci ha fatte riconoscere e avvicinare, oltre alla passione per l’artigianato artistico, è stata la nostra intima natura di.. streghe! (Non so perché ma ‘vedo’ Val ridacchiare dal suo blog ..)

Come è noto, ogni strega che si rispetti è accompagnata da un  famiglio. Di solito si tratta di gatti o civette, ma qualsiasi animale può esserlo. Donato, comprato o trovato il famiglio e la strega diventano un binomio inseparabile. 

A noi della M&D magherie per tutti , poco dopo il mio arrivo, è capitato un cucciolo di pipistrello.

Gino

Piccolo, neonato, tenerissimo.. E’ Gino. 

Rimasto  solo e sperduto è stato raccolto affamato e disidratato. Tutte le assurdità lette ed ascoltate sui pipistrelli e la repulsione  per il loro aspetto svaniscono di fronte a un esserino così minuscolo e fragile. E’ un cucciolo e ha bisogno di affetto, un posto sicuro e latte!

Gino 1

Latte diluito dato goccia a goccia con le dita. Il piccolo ha superato il momento critico ed è cresciuto, guardate i suoi primi dentini..

i primi 6 dentini

Come streghe e zie siamo orgogliose di lui!

Remo (il suo balio), biologo e appassionato coltivatore biologico oltre che ottimo fotografo invidia a Maris questo scatto ben riuscito!

Gino in arrampicata libera su t-shirt

Vogliamo che Gino ce la faccia, continui a crescere e diventi adulto, e questo significa che una volta svezzato volerà via da noi. E’ un animale selvatico e lo aspettano lunghe estati, caccie notturne e il calore di una tana nascosta, anche se Remo sta costruendo una cassetta per lui, nella speranza che rimanga nei dintorni.

Un incontro fortunato, spero anche per voi:  i pipistrelli sono mammiferi unici, indicatori biologici preziosi e insostituibili. Dobbiamo aver cura di loro. Se non ci avete mai pensato prima mi auguro che questa storia vi inviti a farlo.

O forse, dopo questo che è anche un post di.. outing, magari riconsidererete l’idea di tornare da queste parti.. :D

Per saperne di più e aiutare così anche la gente dell’Aquilano colpita dagli effetti del terremoto, visitando l’Abruzzo e i suoi Parchi:

http://www.parcoabruzzo.it/fauna.pipistrelli.html

Per chi volesse dedicarsi al bricolage e fare un favore ad entrambe le specie: come costruire una bat box

Un volo nel mondo dei Chirotteri: Wikipedia

Chirotteri

Se siete curiosi riguardo a Maris e volete conoscerla meglio:

Maris

Marisarte  artigianato autoprodotto: cucito, tinture, lana e fantasie varie.

Buon viaggio!

Aggiornamento al 21 luglio 2009

Abbiamo scoperto solo ora che Gino in realtà è Gina, femmina di Eptesicus serotinus o Serotino comune. Non è finita qui, un altro cucciolo, maschio della stessa specie, si è aggiunto: Pipino il Ghigno. Insomma, la nursery è affollata!

9 commenti:

Posta un commento